Scali: pieno sostegno a cittadini che difendono patrimonio città

“Le giunte Sala e Maroni hanno già deciso che più di un milione di metri quadri di territorio, gli ex scali ferroviari, dovranno essere ridisegnati da privati non ancora identificati, che potranno peraltro godere dei proventi della relativa valorizzazione immobiliare.
Italia nostra, insieme a tanti cittadini milanesi, comitati e associazioni, che da sempre si oppongono a questo modo privatistico – contrario agli interessi dei cittadini – di gestire la res pubblica, si sono opposte con forza allo scellerato Accordo di programma. Un accordo con il quale il Comune di Milano ha regoIato il futuro delle aree, sottraendole alla gestione pubblica in sede di PGT e, per questo, impugnato in varie sedi amministrative, giurisdizionali, e anche innanzi al Presidente della Repubblica.
Il Movimento 5 Stelle, fortemente critico verso questo Adp, non può che appoggiare e sostenere in tutte le sedi possibili, cittadini e comitati che combattono per far sì che queste aree tornino a essere un vera risorsa per la città e i milanesi e non un affare per Fs e per i soliti immobiliaristi”, commenta il consigliere M5S Gianluca Corrado.