Corrado: “Pd non trasformi Milano in una città per soli ricchi”

“Il consuntivo di bilancio 2016 evidenzia una capacità sempre maggiore da parte del Comune di incassare tasse dirette e indirette e sanzioni. Allo stesso tempo mette in evidenza la sua incapacità di investire adeguatamente le proprie risorse”, dichiara Gianluca Corrado, M5S.
“Pare particolarmente significativo rilevare come le spese sostenute in conto capitale siano nettamente inferiori all’anno 2015 ma anche rispetto a quanto stanziato nel bilancio preventivo 2016. A fronte di tagli mascherati dei servizi ai cittadini assistiamo a un incremento della tassazione diretta e indiretta. Vorremmo proprio sapere il motivo per cui il Comune di Milano – la cui gestione economica è stata definita dalla giunta e della maggioranza un unicum nell’intero Paese – ha imposto con il preventivo 2018 un’inaspettata tassazione aggiuntiva per tutte le famiglie che hanno figli in età pre-scolare. Perché poi, se possiamo disporre dei migliori professionisti sul mercato, molte linee del tpl sono state di fatto tagliate?”.
“Ci auguriamo che questa ‘eccellente’ gestione non trasformi definitivamente Milano in una città per soli ricchi. Milano è di tutti i milanesi, non solo di chi ha redditi superiori alla media. Il nostro auspicio è quindi che queste scellerate scelte della giunta, relative a tasse indirette, possano essere corrette già nell’anno scorso. Se così non dovesse essere è evidente che non si tratta di necessità ma di una precisa scelta politica imputabile alla giunta Sala”, conclude Corrado.