Sala ascolti i cittadini: Città Studi va rinnovata, non svuotata!

 

“Oggi in commissione congiunta sono intervenuti centinaia di cittadini, per lo più residenti del municipio 3 e studenti, tutti con la volontà di manifestare il loro disappunto per la scelta di spostare l’università statale a Rho, nell’ex area Expo. Cittadini estremamente preparati che hanno subito colto la questione: il problema Città Studi oggi non esiste, lo si sta creando per cercare di risolvere la questione spinosa del dopo Expo. Dopo ben due aste andate deserte, oggi si decide di trasferire l’università, devastando un quartiere simbolo della nostra Milano, solamente per evitare di ammettere il fallimento“, dichiara Gianluca Corrado, M5S, dopo la seduta delle commissioni congiunte dedicata al trasferimento di Città Studi a Rho.

“I cittadini milanesi hanno detto ‘no‘ a questa scelta scellerata e l’amministrazione Sala è tenuta a rispettare la loro volontà. L’Università Statale non va spostata e i soldi che lo stato intende mettere a disposizione andrebbero invece utilizzati per potenziare e innovare l’università, mantenendo la sua sede attuale, a Città Studi. La Boston Consulting, società di consulenza particolarmente cara al PD, ha certificato l’esistenza di idonei spazi nell’area” – aggiunge Corrado -. “Il M5S, già dalla campagna elettorale dello scorso anno, ha assunto e portato avanti una posizione chiara, esattamente coincidente con quanto oggi i milanesi hanno chiesto all’amministrazione e si impegna a fare tutto il possibile nelle sedi istituzionali, ma anche al di fuori, per far sì che la legittima volontà popolare sia rispettata: Città Studi va rinnovata, non svuotata!”.

“A chi ha votato il sindaco Sala, però, vogliamo dire che lui ha sempre appoggiato il progetto di trasferimento in maniera pubblica e, se non fosse stato eletto, probabilmente oggi Città Studi non rischierebbe di essere svuotata. Forse si dovrebbe imparare a votare osservando i programmi elettorali, non per abitudine o per propaganda mediatica”, conclude il portavoce M5S.